tuttoverde
HOME DIECI ANNI
VIDEO NEWSLETTER
FOTO CHI SIAMO
TUNNEL STORY 2
BATTAGLIA

CORTEI E PROTESTE
RICORSI ED ESPOSTI
LETTERE E VIDEO
AUDIZIONI IN REGIONE:
OGNI MEZZO POSSIBILE
E’ STATO UTILIZZATO
  1. La battaglia per la galleria di viale Lombardia ha richiesto anni di impegno costante e iniziative forti: dalle manifestazioni di piazza agli esposti, dalle audizioni in Regione a un “blitz” presso Anas a Roma. E decine di lettere, riunioni, incontri. Gazebo lungo la strada, video su YouTube. Ogni mezzo lecito è stato usato.   2. Un primo fondamentale atto è stato, nel 1997, l’esposto presentato al Ministero competente perchè il primo orrendo progetto senza tunnel mancava della Valutazione di Impatto Ambientale. Importanti poi le istanze all’Arpa per ottenere misurazioni dello smog esistente sul viale, che è da record.
3. Quattro le manifestazioni lungo il viale, l’ultima delle quali ha raccolto quasi mille persone, in una città che normalmente riesce a mobilitarne due o trecento. C’erano anche i sindaci della Brianza, Legambiente, gli Autotrasportatori, altre associazioni. Ad ogni corteo ha corrisposto una paralisi delle tangenziali di Milano. 4. Quando l’iter per la realizzazione si è interrotto, con il timore che non se ne facesse più nulla, utili sono stati anche gli esposti presentati a Corte dei Conti e Procura della Repubblica, per i milioni spesi in studi e progetti e per una verifica sulla sicurezza lungo la S.S.36. E’ un appello al ministro Di Pietro, nel 2008, a sbloccare in via definitiva i lavori.
  STORIA DEL TUNNEL VOLUTO DAI CITTADINI  | 1 | 2 |
RICHIESTE E PROTESTE ISTANZE ALLA MAGISTRATURA
CITTADINI IN CORTEO (Fotogalleria)
Immagini di uno dei blocchi sulla strada contestata  GUARDA
DUE DEGLI ESPOSTI-DENUNCIA (PDF)
Alla Corte dei Conti  LEGGI
Alla Procura della Repubblica  LEGGI
Sitwe Meter