La guerra delle buche

CHI SCAVA E POI RATTOPPA MALE NON POTREBBE FARLO, EPPURE...

dissesto stradaDal 2010 Monza ha un regolamento unico in Italia per le asfaltature e le ri-asfaltature in seguito a cantieri. E’ stato elaborato sulla base di una proposta innovativa del Comitato San Fruttuoso 2000. Soprattutto, chi scava non può più limitarsi a ricoperture frettolose, ma deve realizzare una striscia di manto che ripristini quello che c’era. Criteri che daranno i loro frutti nel tempo, anche riducendo le manutenzioni a spese del Comune.

Strade e marciapiedi in condizioni pessime, pieni di dissesti. Un problema di manutenzione, ma non solo. La proposta da noi presentata in Comune nel 2007 si è tradotta in un regolamento che nel 2010 il Consiglio Comunale ha varato all’unanimità, su iniziativa dell’assessore Mangone.

Ora i criteri di asfaltatura e ri-asfaltatura tengono conto del carico effettivo del traffico, così come la scelta di materiali alternativi (autobloccanti e finto pavè). Poi ci sono i lavori eseguiti da terzi, con ripristini malfatti, che rappresentavano la quota più elevata dei problemi. Ora le ricoperture hanno regole precise. Ma far rispettare le norme è faticoso e, soprattutto, recuperare i danni del passato è cosa lunga, costosa e difficile.

I molti milioni di euro spesi dal Comune tra il 2008 e il 2010, e poi previsti per il 2013, hanno intanto risolto alcune situazioni molto compromesse per strade e marciapiedi, ma non sono bastati per rimediare a decenni di cattiva manutenzione e di interventi troppo sommari da parte di terzi.

© 2013 Comitato San Fruttuoso 2000 - riproduzione consentita con citazione della fonte

I cookies ci aiutano ad offrirvi un servizio migliore. Navigando questo sito, accettate che il sistema possa memorizzarli e leggerli sul vostro dispositivo in base alla nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.