Orti urbani, alto rischio

IN CITTA’ LE COLTIVAZIONI SI RIEMPIONO DI INQUINANTI

orto urbanoAltro che coltivazioni ecologiche, gli orti urbani sono un rischio per la salute. Lo dicono due importanti ricerche, una tedesca e l’altra americana. Ortaggi e frutta fatti crescere nelle zone densamente urbanizzate finiscono per contenere sostanze inquinanti pericolose, a volte in concentrazioni molto elevate. Ci sono cautele utili per ridurre il rischio, ma purtroppo non è possibile eliminarlo del tutto.

La moda degli orti urbani cresce anche da noi, ma crescono in parallelo i rischi per la salute. Ed è un guaio, perchè pensavamo di mettere in tavola prodotti migliori e senza pesticidi, ma anche di avere un piccolo aiuto in questi tempi di crisi economica. Il fatto è che nella verdura e nella frutta coltivate in città finisce un concentrato di quelle stesse sostanze tossiche che ammorbano l’aria. A Monza, una delle città più inquinate d'Italia, il problema finisce per essere rilevante me riguarda ovviamente anche terrazzi e balconi.

Controlli dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente hanno dimostrato, recentemente, che a Monza le uova dei pollai locali sono a rischio. Non è diverso per frutta e verdura. A Berlino, città dove gli orti urbani sono piuttosto diffusi, gli esperti hanno trovato metalli pesanti in pomodori, fagiolini, carote e patate, ma anche in basilico e menta. Stiamo parlando di cadmio, cromo, piombo, zinco, nichel e rame in quantità da 5 a 11 volte più alte rispetto a quanto riscontrato negli stessi prodotti acquistati dalla normale rete di vendita. I valori limite indicati dalla UE sono stati superati da due terzi dei campioni raccolti.

Analoghi risultati sono stati riscontrati negli Stati Uniti, dove è stato messa in luce anche la relazione tra le percentuali di inquinanti rilevate e la distanza degli orti dalle strade, specie quelle più trafficate. Il minimo suggerito è di 20 metri.

I ricercatori dell’Università del Nord Carolina hanno steso una serie di raccomandazioni che - spiegano - aiutano a minimizzare il problema, ma non possono però eliminarlo. Innanzi tutto, verificare che il terreno nel quale si ha l’orto non corrisponda ad un'ex area industriale. In secondo luogo, usare per gli ortaggi uno strato profondo di terriccio di qualità, acquistato e riportato. Infine, scartare le foglie esterne dove è possibile e lavare accuratamente e abbondantemente sia la frutta che la verdura raccolte.  

© 2014 Comitato San Fruttuoso 2000 - riproduzione consentita con citazione della fonte

I cookies ci aiutano ad offrirvi un servizio migliore. Navigando questo sito, accettate che il sistema possa memorizzarli e leggerli sul vostro dispositivo in base alla nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.