Antismog, cosa fare

DIECI PROPOSTE EFFICACI, VERIFICATE IN CITTA' ESTERE

bus-z227-5r

Monza risulta essere la città più inquinata della Lombardia e una delle più inquinate d'Italia. Ci sono molte cose che si possono fare per diminuire lo smog, e non stiamo parlando della solita proposta di riduzione del traffico automobilistico, scelta che aiuterebbe ma non riguarda in realtà la causa principale dell'aria irrespirabile, che è il riscaldamento. Ecco un decalogo di cose che la nostra città dovrebbe fare o avviare al più presto.

Sulla base delle esperienze positive di altre città in Europa, nelle quali lo smog è stato ridotto per davvero e stabilmente, proponiamo dieci argomenti molto concreti. Alcuni richiedono lo sviluppo di piani pluriennali e/o fondi extra per attività sperimentali. Ma lo smog va affrontato esattamente così.

01. RISCALDAMENTO SCUOLE
In molti edifici pubblici, in particolare nelle scuole, gli impianti termici ci risulta funzionino a regime anche di notte, nel weekend e nei giorni festivi. Il Comune dovrebbe dare il buon esempio.

02. PIANO TERRITORIALE ORARI
Come prescritto da una legge nazionale, il Comune di Monza ha avviato nel 2007 la stesura del Piano Territoriale degli Orari, per il quale ha anche ottenuto dalla Regione Lombardia un contributo di 50mila euro. Che fine ha fatto il piano? Va concordata con enti e aziende del territorio, e di aree confinanti se necessario, una articolazione degli orari di ingresso e uscita dal lavoro che riducano la concentrazione nelle classiche ore di punta. Meno traffico, meno tempo di percorrenza, meno inquinamento. Al tempo stesso, si tratta di promuovere – in collaborazione con le aziende più grosse – car pooling e servizi bus mirati.

03. ASFALTI MANGIASMOG
Le strade più trafficate andrebbero asfaltate con gli agglomerati al biossido di titanio, che trattengono e trasformano gli inquinanti. Così si fa specialmente in Olanda, ma anche in altri paesi europei. Questo tipo asfalto è stato sperimentato in passato a Monza, poi più nulla. Vedi la nostra proposta del 2012.

04. VERNICI FOTOCATALITICHE
Oltre agli asfalti mangiasmog, sulle strade più trafficate bisognerebbe promuovere la verniciatura delle facciate dei palazzi con uno strato fotocatalitico. Si potrebbero concedere sgravi fiscali ai condominii che lo fanno. Il CNR ha eseguito diversi esperimenti determinando che un metroquadro di superficie trattata con questo tipo di vernice è in grado di decomporre in 60 minuti il 90% dell’inquinamento presente in 80 metri cubi d’aria.

I cookies ci aiutano ad offrirvi un servizio migliore. Navigando questo sito, accettate che il sistema possa memorizzarli e leggerli sul vostro dispositivo in base alla nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.