Città in classe A+

LE OPPORTUNITA’ DI MONZA PER RITROVARE L’ECCELLENZA

energia-5rLa nostra città potrebbe facilmente produrre da sola il 40% dell'energia che consuma installando sui tetti i pannelli fotovoltaici. E potrebbe ottenere ancora di più con microturbine nelle reti e nei condominii e con impianti geotermici. La città del futuro imminente lo richiede. Così come la presenza di una vera rete in fibra ottica sino nelle case e negli uffici: "Open Fiber" non basta, ecco perchè...

Era una "città di classe" e ora Monza deve avere la forza di diventare una città in classe A+. Il piano energetico comunale indica come potrebbe produrre da sola fino al 40% dell'energia che consuma. Ma come?

Occorre promuovere e agevolare sistemi di generazione dell'energia (fotovoltaico e geotermico) e sistemi di recupero della stessa. Oggi nelle città "smart" le migliaia di metriquadrati di tetti sono occupati da pannelli per la produzione di elettricità ed acqua calda, mentre reti dell'acqua potabile e della fognatura sono attrezzate con mini-turbine che sfruttano lo scorrimento dei liquidi per generare altra energia a costo zero. Tutte novità che si possono e si devono aggiungere alla qualità energetica complessiva degli edifici nuovi e al miglioramento di quelli vecchi.

Inoltre, negli edifici deve essere realizzata la cablatura per la fibra ottica. Tra l'altro, pochi sanno, anche tra i costruttori e negli uffici dei Comuni, che l'articolo 135-bis del Dpr 380/2001 imponeva l'obbligo di predisporla negli edifici nuovi a partire dal 2015. Va aggiunto, per completezza, che l'operazione nazionale di cablatura (Open Fiber) varata negli anni 2018-2019 non risolve in realtà una questione fondamentale, cioè il problema cosiddetto "dell'ultimo miglio". Come verrà collegata la rete alle singole unità immobiliari? Ed a spese di chi? Meglio pensarci per tempo...

© 2018 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

 

Navigando questo sito, accettate l’uso di cookies tecnici e statistici anonimi. Spiegazioni e opzioni sulla nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.