Il tunnel compie cinque anni

TRANSITATI SOTTOTERRA GIA' 100 MILIONI DI VEICOLI

tunnel monzaBilancio sostanzialmente positivo dopo cinque anni di funzionamento della galleria urbana di Monza sulla SS36. Sono quasi 100 milioni i veicoli che sono transitati nel tunnel anzichè in superficie, dentro la città in mezzo alle case, com'era stato per 30 anni. Mentre ancora si aspetta di vedere la stabilizzazione definitiva del sopratunnel, ecco alcune osservazioni che richiederebbero risposte.

Al 4 aprile 2018, sono trascorsi cinque anni dall’apertura al traffico della galleria di Monza sulla SS36. In questi 60 mesi sono passati sottoterra, invece che in mezzo alle case di Triante e San Fruttuoso, all’incirca 100 milioni di veicoli.

La galleria urbana ha riscosso ampio consenso da parte di chi viaggia sulla Statale. I tempi di attraversamento della città si sono drasticamente ridotti. Resta il problema degli svincoli autostradali di Cinisello, spesso saturi.

In superficie, i residenti sono soddisfatti: l’area è diventata “normale”, come in qualsiasi altra parte di Monza, anche se restano critiche e perplessità sulla sistemazione del sopratunnel, che attende ancora panchine e cestini, oltre ad una "stabilizzazione" del verde.

Quanto alla galleria, due sono le domande ancora senza risposta certa. La prima: funziona correttamente oppure no il sistema di filtraggio dell’aria? In alcune giornate, nelle ore di punta, molti automobilisti segnalano senso di fastidio, o peggio. Sappiamo che ci sono state tarature dei sensori, ma il problema risulta persistere.

La seconda: sono state eliminate le infiltrazioni d’acqua nella parte finale della canna Milano-Lecco? Dopo l’apertura al traffico del tunnel, ci risulta siano stati eseguiti alcuni interventi, ma l’osservazione diretta da parte di chi transita ogni giorno riferisce ancora di gocciolamenti e perdite.

C’è poi una “curiosità” che deve far riflettere. Gli addetti alla sicurezza fanno periodicamente esercitazioni e test sui sistemi, soprattutto il sabato e la domenica. In qualche caso, questi test hanno comportato l’attivazione dei semafori rossi agli imbocchi della galleria, con l’inquietante messaggio “incendio” scattato sul pannello luminoso. Ci risulta che non sempre chi transitava sulla strada si sia fermato, come invece avrebbe dovuto.

© 2018 Comitato San Fruttuoso 2000 - riproduzione consentita con citazione della fonte

I GIARDINI SOPRA LA GALLERIA

I cookies ci aiutano ad offrirvi un servizio migliore. Navigando questo sito, accettate che il sistema possa memorizzarli e leggerli sul vostro dispositivo in base alla nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.