STANZIAMENTO 900 milioni

Fondi per il metrò
ma è solo il primo passo
Image is not available

I parlamentari della nostra zona, con un’azione unitaria, hanno fatto inserire nella Finanziaria 2019 il 75% dei soldi necessari

URBANISTICA Pensiamo al futuro

Da città del Parco
a moderna città-parco
Image is not available

Per recuperare l’alto livello che Monza aveva un tempo, oggi occorrono boschi urbani nei quartieri ed edifici con verde verticale

EDILIZIA MEGA Via ai cantieri

L’inganno di Bettola
un hub per le allodole
Image is not available

Il centro commerciale sarà triplicato, con conseguenze pesanti sulla viabilità nel sud di Monza e su autostrada e tangenziale nord

ArrowArrow
ArrowArrow
Slider

Home

La sperimentazione del radiobus a Monza faceva parte originariamente del programma “Civitas-Archimedes” finanziato dall'Unione Europea con quasi un mi­lione di euro. Non è semplice ricostruire quale parte sia stata assegnata al “bus a chiamata” e se tale parte, poiché inutilizzata, sia mai stata incassata ed eventualmente restituita. Diciamo che risulta poco chiaro il destino di circa 30mila euro dei fondi comunitari.

Il “bus a domanda” (o taxibus, oppure radiobus) era stato inizialmente proposto dalla nostra Asso­ciazione nel 2002. Si tratta di un sistema di trasporto ideale per le aree a bassa domanda, come la nostra, e all’estero ha risolto positivamente il problema in di­verse città. Autobus pic­coli con percorsi molto flessibili raccolgono i passeggeri che prenotano telefoni­camente. Un gestionale software-GPS ottimizza i tragitti e li comunica ai mez­zi a seconda delle necessità.

A seguito di una nostra campagna pressante, mirata a sottilineare i pregi del “bus a chiamata” anche nelle ore diurne e la possibilità di sperimentarlo con fondi euro­pei, nel 2007 il Comune aveva presentato domanda all’Unione per aderire al pro­gramma “Civitas-Archimedes Plus (2008-2012)” con una serie di mini-progetti per la mobilità sostenibile, tra i quali il più significativo era appunto quello del “radiobus”. Monza si era aggiudicata i fondi insieme ad altre cinque città europee.

Se quella speri­mentazione fosse stata avviata, oggi Monza avrebbe un servizio di trasporto pubblico molto avanzato e in grado di offrire la flessibilità che il momento di crisi generale richiede. Non sarebbe neanche stato necessaria, e co­munque non avrebbe avuto un impatto tanto negativo sugli utenti, la sop­pressione di linee tradizionali come la Z266 e come le corse serali.

© 2013 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

A MONZA ARRIVA LA FIBRA OTTICA A “1.000” MB     

COSA E’ STATO FATTO E COSA ANCORA MANCA

TANTI DOVREBBE PIANTARNE MONZA OGNI ANNO

TRANSITATI SOTTOTERRA 100 MILIONI DI VEICOLI    

DIECI INIZIATIVE EFFICACI GIA’ SPERIMENTATE     

MONZA CABLATA, MA SANFRU NON ANCORA    

Image is not available
dal 1996

Idee e proposte per il quartiere

Image is not available
Penso
che...

Le analisi del nostro portavoce

Image is not available
2006-2015

Cinque gruppi, due quartieri

Image is not available
1997-2007

Dodici associazioni insieme

Slider