STANZIAMENTO 900 milioni

Fondi per il metrò
ma è solo il primo passo
Image is not available

I parlamentari della nostra zona, con un’azione unitaria, hanno fatto inserire nella Finanziaria 2019 il 75% dei soldi necessari

URBANISTICA Pensiamo al futuro

Da città del Parco
a moderna città-parco
Image is not available

Per recuperare l’alto livello che Monza aveva un tempo, oggi occorrono boschi urbani nei quartieri ed edifici con verde verticale

EDILIZIA MEGA Via ai cantieri

L’inganno di Bettola
un hub per le allodole
Image is not available

Il centro commerciale sarà triplicato, con conseguenze pesanti sulla viabilità nel sud di Monza e su autostrada e tangenziale nord

ArrowArrow
ArrowArrow
Slider

Home

Monza si “dimentica” del deposito convogli per M5 e riserva l’area a un mega centro commerciale, così finirà che perderemo un’altra volta il treno. Nel Documento di Piano del territorio che è stato licenziato nell’aprile 2015 dall’Amministrazione comunale di Monza, quella struttura non è prevista. Eppure, in Comune sanno bene che è un elemento indispensabile e irrinunciabile per poter avere la metropolitana prolungata sino in città.

Sono dieci anni che i tecnici, anche quelli del ministero, chiedono di prevedere la costruzione del deposito, e sono dieci anni che il Comune tentenna. Come sempre, fondiamo le nostre osservazioni su basi molto solide e poco discutibili: i documenti ufficiali (il resto sono chiacchiere).

Già nello studio di fattibilità del 2005 per il prolungamento della “lilla” da Bignami a Bettola, il progettista indica chiaramente la necessità di realizzare un deposito treni. Nella nostra area densamente urbanizzata – dice lo studio – l’unico luogo possibile è a sud di Monza, in uno spazio adiacente alla Tangenziale Nord, luogo che per la quasi totalità si trova sul territorio del Comune di Monza.

Lo studio avverte che il deposito è fondamentale e che si devono “porre con urgenza le opportune salvaguardie di vincolo funzionale”, il che significa inserire la previsione nei piani urbanistici della nostra città. Nell’aggiornamento del PGT urbanistico, l’area interessata diventa invece riservata a uffici e commercio.

Così, là dove ci sarebbe l’unico posto utile per il deposito treni della M5, Monza si allinea alle strategie di Cinisello e manifesta la volontà di ampliare l’area di terziario, cioè in pratica raddoppiare le strutture attualmente occupate dall’Auchan, che è già il più grande d’Europa.

E’ vero che l’Amministrazione comunale di Monza ha chiesto alla Regione Lombardia di inserire la Metropolitana di Monza nel Piano Territoriale Regionale (PTR), ma questa è una mossa del tutto insufficiente rispetto alle spinte forti che vorrebbero invece il prolungamento della M5 verso Figino/Settimo Milanese, dove – al contrario che da noi – l’area per un eventuale deposito treni è già stata messa a disposizione, e da tempo.

© 2015 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

A MONZA ARRIVA LA FIBRA OTTICA A “1.000” MB     

COSA E’ STATO FATTO E COSA ANCORA MANCA

TANTI DOVREBBE PIANTARNE MONZA OGNI ANNO

TRANSITATI SOTTOTERRA 100 MILIONI DI VEICOLI    

DIECI INIZIATIVE EFFICACI GIA’ SPERIMENTATE     

MONZA CABLATA, MA SANFRU NON ANCORA    

Image is not available
dal 1996

Idee e proposte per il quartiere

Image is not available
Penso
che...

Le analisi del nostro portavoce

Image is not available
2006-2015

Cinque gruppi, due quartieri

Image is not available
1997-2007

Dodici associazioni insieme

Slider