STANZIAMENTO 900 milioni

Fondi per il metrò
ma è solo il primo passo
Image is not available

I parlamentari della nostra zona, con un’azione unitaria, hanno fatto inserire nella Finanziaria 2019 il 75% dei soldi necessari

URBANISTICA Pensiamo al futuro

Da città del Parco
a moderna città-parco
Image is not available

Per recuperare l’alto livello che Monza aveva un tempo, oggi occorrono boschi urbani nei quartieri ed edifici con verde verticale

EDILIZIA MEGA Via ai cantieri

L’inganno di Bettola
un hub per le allodole
Image is not available

Il centro commerciale sarà triplicato, con conseguenze pesanti sulla viabilità nel sud di Monza e su autostrada e tangenziale nord

ArrowArrow
ArrowArrow
Slider

Home

STRADA URBANA E CICLABILI AL POSTO DELLE SEI CORSIE

Il sopratunnel della SS36 prende forma. E’ definitivo l’accordo tra Anas e Comune per la viabilità: una strada urbana a una corsia per senso di marcia, due ciclabili “reversibili” utilizzabili per i veicoli in caso di emergenza in galleria, due rotonde e quattro attraversamenti regolati da semafori intelligenti.

Il sistema stradale lascia liberi quasi quattro ettari di verde, occasione irripetibile in una città densamente urbanizzata come Monza.

PROGETTO DEFINITIVO 2013

La strada è stata ridotta rispetto al progetto iniziale. Il sistema è strutturato adeguatamente per reggere il traffico locale previsto. Aggiunte anche due corsie ciclabili “reversibili”, cioè destinabili ai veicoli in caso di una emergenza tale da far chiudere temporaneamente entrambe le canne del tunnel. Una eventualità improbabile, ma che il piano per la sicurezza ha previsto.
La rotonda all’ex cavalcavia, rimpicciolita e disassata, è ora grande in pratica la metà e un ettaro di verde è stato recuperato sul lato ovest del quartiere.
Vedi qui i dettagli della progettazione viabilistica.

PROGETTO ORIGINARIO 2007

Il progetto iniziale approvato nel 2007 da Regione, Provincia, Comune e altri enti prevedeva un viale Lombardia a due corsie per senso di marcia, senza ciclabile, praticamente la stessa strada di prima. Nella zona dell’ex cavalcavia di San Fruttuoso era disegnato un anello da 8mila mq che occupava praticamente tutta l’area disponibile, lasciando al centro uno spazio enorme poco fruibile.
Questo progetto rispondeva molto bene alle esigenze di Anas, ma non a quelle della città: il quartiere sarebbe rimasto ancora una volta fisicamente tagliato in due, il viale destinato a diventare una inutile duplicazione del tracciato in galleria. 

Un punto fondamentale della sistemazione del sopratunnel è la mitigazione, anzi il mascheramento, delle uscite di sicurezza e delle stazioni elettriche, strutture di servizio inevitabili, ma molto invasive ed esteticamente sgradevoli.

Il Comune ha affidato la progettazione paesaggistica dell’area liberata dalle sedi stradali all’arch. Andreas Kipar.

© 2013 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

A MONZA ARRIVA LA FIBRA OTTICA A “1.000” MB     

COSA E’ STATO FATTO E COSA ANCORA MANCA

TANTI DOVREBBE PIANTARNE MONZA OGNI ANNO

TRANSITATI SOTTOTERRA 100 MILIONI DI VEICOLI    

DIECI INIZIATIVE EFFICACI GIA’ SPERIMENTATE     

MONZA CABLATA, MA SANFRU NON ANCORA    

Image is not available
dal 1996

Idee e proposte per il quartiere

Image is not available
Penso
che...

Le analisi del nostro portavoce

Image is not available
2006-2015

Cinque gruppi, due quartieri

Image is not available
1997-2007

Dodici associazioni insieme

Slider