STANZIAMENTO 900 milioni

Fondi per il metrò
ma è solo il primo passo
Image is not available

I parlamentari della nostra zona, con un’azione unitaria, hanno fatto inserire nella Finanziaria 2019 il 75% dei soldi necessari

URBANISTICA Pensiamo al futuro

Da città del Parco
a moderna città-parco
Image is not available

Per recuperare l’alto livello che Monza aveva un tempo, oggi occorrono boschi urbani nei quartieri ed edifici con verde verticale

EDILIZIA MEGA Via ai cantieri

L’inganno di Bettola
un hub per le allodole
Image is not available

Il centro commerciale sarà triplicato, con conseguenze pesanti sulla viabilità nel sud di Monza e su autostrada e tangenziale nord

ArrowArrow
ArrowArrow
Slider

Home

Il problema da risolvere non era semplice: riqualificare l’ampia zona liberata dalla Statale 36, una superstrada a sei corsie, tenendo conto della storia del paesaggio locale, ma anche dei vincoli posti dal sistema viabilistico interurbano e dalle esigenze del traffico monzese e dei “frontisti”, cioè di tutti coloro che si affacciano sulla SS36 con abitazioni o attività commerciali. Nella pagina collegata i dettagli del progetto del verde.

Il progettista Kipar ha identificato due fronti, uno ad est, verso Monza Triante, più urbanizzato, ed uno a ovest, verso Monza San Fruttuoso, in buona parte ancora non costruito. C’è poi la presenza storica della villa della Guastalla, bene architettonico tutelato. Infine, lo sfondo della Grigna verso nord, vero spettacolo naturale nelle giornate di cielo limpido.

In sostanza, il paesaggista ha proposto un sistema integrato di verde capace di mitigare la nuova strada urbana (a due sole corsie) e i “casotti” delle uscite di sicurezza del tunnel, identificando al tempo stesso tre diverse espressioni di paesaggio.

Nella zona dell’ex cavalcavia abbattuto, a sud, dove c’è anche la Guastalla, un nucleo a parco e giardini. Nella zona centrale, un parco lineare con alberi, ciclabile “veloce” e passeggiata pedonale verso ovest, e invece ciclabile “lenta” e panchine verso est. A nord, una rotonda con vegetazione bassa che, risultando in rilevato per ragioni costruttive del tunnel, è una sorta di “belvedere” verso la Grigna.

Questa suddivisione generale presenta poi particolarità specifiche e molto sofisticate di dettaglio zona per zona, con fasce di mitigazione delle strade, innovative soluzioni per i passi carrai e andamenti delle ciclabili scelti per integrarsi al meglio, pur tenendo conto che queste piste hanno anche una funzione speciale: possono essere attivate come strade aggiuntive per i veicoli in caso di blocco del tunnel. Sulla progettazione viabilistica si vedano in questo sito le pagine apposite.

La riqualificazione di un’area così vasta richiede una progettazione complessa per gradi, scendendo sempre in maggiori dettagli. I costi della esecuzione pratica sono compresi nei fondi stanziati da Stato, Regione e Comune per la realizzazione della galleria urbana con opere annesse.

© 2013 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

A MONZA ARRIVA LA FIBRA OTTICA A “1.000” MB     

COSA E’ STATO FATTO E COSA ANCORA MANCA

TANTI DOVREBBE PIANTARNE MONZA OGNI ANNO

TRANSITATI SOTTOTERRA 100 MILIONI DI VEICOLI    

DIECI INIZIATIVE EFFICACI GIA’ SPERIMENTATE     

MONZA CABLATA, MA SANFRU NON ANCORA    

Image is not available
dal 1996

Idee e proposte per il quartiere

Image is not available
Penso
che...

Le analisi del nostro portavoce

Image is not available
2006-2015

Cinque gruppi, due quartieri

Image is not available
1997-2007

Dodici associazioni insieme

Slider