In primo piano la stazione ferroviaria principale, e la zona adiacente, teatro di ripetuti episodi di malavita, spaccio e teppismo. Ma anche i boschetti reali sono luogo di spaccio e di insicurezza per i cittadini.

Più quartieri sono stati colpiti, negli ultimi mesi, da ondate massicce di furti in appartamento, furti su auto, truffe e tentate truffe ad anziani. Lungo viale Lombardia e viale delle Industrie è in aumento il fenomeno della prostituzione, con attività illecite collaterali e problemi crescenti per i residenti.

Le forze dell’ordine a Monza hanno uomini e mezzi ridotti rispetto ad altre città con analoga, o addirittura inferiore, densità abitativa e superficie territoriale. Il servizio di “polizia di prossimità” (carabinieri e poliziotti di quartiere) è erogato a singhiozzo, nonostante – tra l’altro – sia nato con finanziamenti specifici. E un quarto dell’organico della Polizia di Stato di stanza a Monza è stato inviato a Roma per il Giubileo 2015 e non è più rientrato. Non possiamo indicare numeri per ragioni evidenti di riservatezza, ma tutti gli “addetti ai lavori” sanno bene che è così.

I cittadini sono stanchi di sentire inutili messaggi rassicuranti sul livello di criminalità e microcriminalità a Monza. La percezione è profondamente diversa, la domanda di maggiore sicurezza e più controlli è altissima. Se chi vive nei palazzi e si alimenta di statistiche frequentasse invece la realtà dei quartieri, si renderebbe conto dell’urgenza del problema.

Abbiamo chiesto al Comune di attivarsi, come Milano, per ottenere più forze dell’ordine e, se occorre, una presenza rilevante dell’esercito anche nella nostra città. 

© 2016 Associazione HQMonza - riproduzione consentita con citazione della fonte

logo comitato sanfruttuoso
dal 1996

Idee e proposte per il quartiere

isabella tavazzi
Penso
che...

Le analisi del nostro portavoce

logo comitati galleria
2006-2015

Cinque gruppi, due quartieri

logo comitati antenne
1997-2007

Dodici associazioni insieme

Slider